La cannabis può aiutare a superare la dipendenza da eroina?

0
8

La cannabis può aiutare a superare la dipendenza da eroina?La può aiutare a superare la dipendenza da eroina?

Il risveglio del consumo di eroina negli Sati Uniti ha raggiunto cifre allarmanti, fino al punto che gli esperti parlano già di pandemia. Solo nel ultimo decennio, il consumo di questa droga ha fatto aumentare il tasso di mortalità per overdose del 286 %, un problema di urgenza sanitaria che potrebbe essere collegato al consumo di antidolorifici oppiacei soggetti a medica per ridurre il dolore e trattare alcune malattie. In risposta ai gravi problemi di salute che provoca la dipendenza da eroina, alcune persone hanno scelto di utilizzare la durante il processo di disintossicazione. Secondo loro, si tratterebbe di un metodo più che efficace per attenuare la sindrome di astinenza.

hero

Contents

Lo chiamano la pandemia degli oppiacei ed è già diventata la principale causa di morte accidentale negli Stati Uniti. La problematica non riguarda una droga sola, ma comprende anche farmaci legali. Infatti, gli antidolorifici oppiacei, insieme all’eroina, provocano ad oggi una morte per overdose ogni 19 minuti, un tasso di mortalità che è salito alle stelle nell’ultimo decennio, con un incremento del 79 % tra il 2007 e il 2012. Secondo fonti ufficiali, nel 2014 più di 28.000 persone hanno perso la vita a causa degli oppiacei, dati allarmanti che ci fanno chiederci cosa sta accadendo in Nordamerica e perché la società statunitense raggiunge cifre così elevate per quanto riguarda la dipendenza da questo tipo di sostanze.

Droga letale dietro consiglio medico

Questo fenomeno senza precedenti sembrerebbe di avere origine nella dipendenza dagli antidolorifici oppiacei che i medici, probabilmente troppo alla ra, hanno prescritto i pazienti per anni. In una società nella quale la più minima sensazione di dolore viene alleviata con degli antidolorifici, la situazione è diventata insostenibile, poiché gli antidolorifici oppiacei, tra le altre conseguenze negative, possono provocare problemi seri di dipendenza. Farmaci come Vicodin, l’ossicodone e l’idrocodone si ricettano tutti giorni negli Stati Uniti, creando un tessuto sociale che si è abituato ad agire sotto gli effetti di queste droghe legali. Le cifre parlano da sé: il numero annuale di prescrizioni rilasciate ammonta a 259 milioni, l’equivalente a un flacone di pillole per adulto.

RELATED STORY
I Simpson hanno azzeccato la previsione della legalizzazione in Canada

Eroina economica e di buona qualità

Anche se il problema sembrerebbe essersi originato, tra gli altri fattori, per l’eccessiva di questi farmaci, l’incremento di prezzo ha fatto sì che i pazienti abbiano trovato nell’eroina il sostituto perfetto, giacché fornisce un effetto più forte ad un prezzo sensibilmente più basso. Questo, insieme alla crisi finanziaria che ha colpito il paese durante gli ultimi anni, è stato il terreno di coltura perfetto perché città come Baltimore diventino mecche della droga, con una popolazione con altissimi livelli di adizione e con un tessuto economico basato nel narcotraffico, un sistema di sommersa difficile da smantellare.

“La mi ha aiutato a superare la dipendenza da eroina”

Prima di questo fenomeno, la dipendenza da eroina della società statunitense si associava alle classi sociali svantaggiate e alle minoranze. Questa pandemia, tuttavia, sembrerebbe di colpire la classe media, dato che mentre le cifre di morti per overdose tra ispani e afroamericani sono rimaste invariate, quelle relative agli statunitensi bianchi di classe media è in continuo aumento. Un problema che il governo ha cercato di affrontare da diversi angoli e per il quale si sono creati diversi programmi di disintossicazione che prevedono la somministrazione di sostitutivi dell’eroina ma che restano comunque aggressivi e dannosi per la salute. In stati come la però stanno emergendo altri tipi di iniziative, programmi di disintossicazione che considerano la come una sostanza capace di aiutare il dipendente da eroina a combattere gli intensi sintomi della sindrome di astinenza. Approfondiamo quindi su questo metodo per vedere come funziona di preciso e per capire se è veramente tanto efficace come affermano alcuni.

RELATED STORY
Effetto entourage: cannabinoidi e terpeni agiscono insieme

heroina

A tal fine intervistiamo Ryan, un giovane statunitense di New York che ha cominciato a prendere antidolorifici oppiacei sotto all’età di 15 anni. Si trattava concretamente dell’idrocodone, un farmaco che gli era stato ricettato per il mal di schiena. Quello che però non poteva immaginare è che prendere quelle pastiche dal effetto “divertente” gli avrebbe creato problemi di dipendenza. Quando aveva 19 anni un gruppo di amici gli ha offerto dell’eroina e da allora in poi e per otto anni la sua vita è ruotata intorno a questa droga, periodo nel quale ha sofferto cinque overdose che sono andate vicino ad ucciderlo. Dopo diversi tentativi falliti di riabilitazione, Ryan decise di chiedere aiuto ad un conoscente che dirigeva una fattoria di nella e che aveva delle conoscenze sull’uso medicinale della pianta. Ecco come è entrato a far parte di un programma di disintossicazione basato nella che gli è servito per superare la sua dipendenza da eroina.

Prima di soffrire di dipendenza da eroina prendevi antidolorifici oppiacei da regolarmente. Credi che questi farmaci si ricettano con troppa rezza e che possono comportare problemi di dipendenza?

Quando ho cominciato a prendere l’hydrocodone non ero conscio dei problemi che questo farmaco poteva causarmi. La mia risposta dunque è sì. Alcuni medici ricettano questo tipo di farmaci come fossero caramelle e sì, definitivamente possono provocare problemi di dipendenza.

Credi che le persone che prendono farmaci oppiacei hanno più probabilità di cadere nella droga?

Per come la vedo io, dipende in gran parte dal fatto che l’eroina sia presente o meno nell’ambiente che circonda la persona. Se soffri di dipendenza da antidolorifici e probi l’eroina, ti piacerà sicuramente, e molto probabilmente diventerai dipendente anche da questa droga.

RELATED STORY
Coltivazione di Cannabis : sentenza storica a Trento

L’aumento del consumo negli Stati Uniti è già stato definito come pandemia. Cosa sta accadendo? Quale ti sembra possa essere la causa dietro questo fenomeno?

Credo che si debba al facile accesso alla droga e al suo basso prezzo. Chiunque può comprare dell’eroina nelle strade di Rochester, New York, per cinque dollari la busta. Questo è uno dei motivi per il quale molti passano dagli antidolorifici all’eroina. Ci vogliono circa cinque pasticche d’idrocodone per farsi e ognuna costa intorno ai dieci dollari. Con l’eroina l’effetto è molto più intenso e incredibilmente più economico.

Che tipo di consumavi e in che forma durante il processo di disintossicazione dall’eroina?

Avevo cercato di disintossicarmi in diversi programmi di New York, ma finivo sempre per sostituire l’eroina con un altro farmaco per riuscire a rimanere sobrio. Non aveva alcun senso. Ma quest’ultimo tentativo è stato diverso. Poi sono andato alle montagne della e ho utilizzato olio di cocco ricco di THC e CBD, una sostanza molto simile ad una droga chiamata suboxone che viene usata nei processi di riabilitazione di New York. Questo olio cannabico mi ha aiutato veramente a combattere la sindrome di astinenza e non ho avuto gli effetti avversi di altri farmaci che avevo provato in passato.

Hai consumato in qualche altra forma durante il processo di disintossicazione, i cosiddetti “”, per esempio?

Che coincidenza che tu mi faccia questa domanda. Durante il processo, quando i sintomi dell’astinenza diventavano insopportabili, ho consumato dei con un alto tasso di THC, mi aiutavano a dormire nei momenti in cui non ci riuscivo. Dormire durante il processo di disintossicazione dall’eroina è virtualmente impossibile e i sono stati di grande aiuto durante quel periodo.

È stato l’unico momento in cui ho consumato sotto questa forma.

Sending
User Review
( votes)